Veloce come il vento

Veloce Come Il Vento FILMKRITIK:

Giulias Familie bringt bereits seit Generationen Rennfahrer hervor und auch ihr liegt die Liebe für schnelle Autos im Blut. Als eines Tages ihr lange verschollener Bruder zurückkehrt, beschließen die beiden, gemeinsame Sache zu machen. sfbok30.se - Kaufen Sie Giulias großes Rennen - Veloce come il vento (OmU) günstig ein. Qualifizierte Bestellungen werden kostenlos geliefert. Sie finden. sfbok30.se - Kaufen Sie veloce come il vento günstig ein. Qualifizierte Bestellungen werden kostenlos geliefert. Sie finden Rezensionen und Details zu einer. Veloce come il vento. Giulias großes Rennen. Matteo Rovere. IT. Min. Italienisch mit Untertitel in Deutsch. Regie. Matteo Rovere. Drehbuch. Film Veloce come il vento: Die junge Giulia steht als Rennfahrerin vor einer schwierigen Situation und muss die Ehre ihrer Familie verteidigen.

veloce come il vento

Veloce come il vento V.O.: film drama, Produktionsjahr , mit mit Stefano Accorsi, Matilda De Angelis, Roberta Mattei, Paolo Graziosi. Kurzfassung. Veloce come il vento. Giulias großes Rennen. Matteo Rovere. IT. Min. Italienisch mit Untertitel in Deutsch. Regie. Matteo Rovere. Drehbuch. Giulias Familie bringt bereits seit Generationen Rennfahrer hervor und auch ihr liegt die Liebe für schnelle Autos im Blut. Als eines Tages ihr lange verschollener Bruder zurückkehrt, beschließen die beiden, gemeinsame Sache zu machen.

Very interesting characters. Three sibling, but belong to three different generations. Theirs bonding was the highlight. The actors who played those roles were superb.

In the first half it was that teen girl and then her older brother in the remaining narration. His final race event was what this film turned into a different perspective.

More like the 'Fast and Furious' kind, so I think if they are planning for a sequel, they should focus on that kind of plot.

Because that will commercialise the product and makes to promote the film itself internationally.

Originally it was about the family, so I afraid that does not happen. The overall film was interesting enough to hook with it, but if you had seen lots of Hollywood films on the same theme, you won't be pleased with the race events, except maybe the final one.

One of the reasons is that it is a drama-sports, not an action or thriller or a crime- sports. The film was overwhelmed by the drama ingredient.

No cops, no villain involved. If they do, not excessively. I think they did not spend much on the film production, though the quality was so good.

Whatever the others thought, for me it was just a good film. One time watchable film. I did not like it as much I can suggest it to the others, so I hope you would make a right choice on this.

Sign In. Keep track of everything you watch; tell your friends. Full Cast and Crew. Release Dates. Official Sites.

Company Credits. Technical Specs. Plot Summary. Plot Keywords. Parents Guide. External Sites.

User Reviews. User Ratings. External Reviews. Metacritic Reviews. Photo Gallery. Trailers and Videos. Crazy Credits.

Alternate Versions. Rate This. Director: Matteo Rovere. Added to Watchlist. Everything New on Netflix in June. Seen in Italia Share this Rating Title: Italian Race 7.

Use the HTML below. You must be a registered user to use the IMDb rating plugin. Edit Cast Cast overview, first billed only: Stefano Accorsi Loris Matilda De Angelis Giulia Paolo Graziosi Tonino Lorenzo Gioielli Ettore Minotti Roberta Mattei Annarella Giulio Pugnaghi Nico Luca Bondioli Pusher Pier Paolo Paganelli Novo Mario Gatti Pino Mauro Onali Pino Brian Lombardi Michele Jacopo Volta Giulio Andrea Kimi Antonelli Matteo Alexia Murray Flavia Cristina Spina Learn more More Like This.

They Call Me Jeeg Action Drama Sci-Fi. Mauvaise Graine Certificate: Tous publics Crime Drama.

Action Comedy Crime. Comedy Crime. The Champion Action Comedy. Like Crazy Genere Azione , - Italia , , durata minuti.

Ha vinto 2 Nastri d'Argento , Il film ha ottenuto 16 candidature e vinto 6 David di Donatello , In Italia al Box Office Veloce come il vento ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 2,1 milioni di euro e mila euro nel primo weekend.

Dopo due regie da rampollo di buona famiglia - Un gioco da ragazze e Gli sfiorati - Matteo Rovere finalmente esce dai Parioli e riscopre le sue radici romagnole, con tanto di unghie sporche di terra e imprecazioni in quel dialetto sanguigno che domina il mondo del motor sport italiano.

Il film di Rovere fa parte di quella rinascita del cinema italiano che affronta il genere per trascenderlo, e affonda le radici nei localismi dopo aver appreso a fondo la lezione cinematografica della globalizzazione.

Ma deve anche fare i conti con il ritorno del fratello maggiore Loris, ex campione di rally, ora tossicodipendente.

Riprese di corse godibili anche per i non appassionati e una lieta fine con finta sorpresa. Ma ieri ho visto Veloce come il Vento e sono rimasta spiazzata.

Dopo anni e anni di moscerie e problematiche sociali, il cinema italiano si riprende l'azione con tanto di inseguimenti automobilistici e, per un po', speriamo per tanto, si allontana da quella proverbiale noia che per troppo tempo l'ha contraddistinto tra casi umani e gente che sussurra.

Che io mi ricordi, era un po' di tempo che non si vedeva al cinema un film sulle corse automobilistiche made in Italy, era un genere che aveva un certo successo tra gli anni 60 e 70, ma in tempi recenti mi ricordo solo alcuni bipic televisivi.

Mi sembra quindi originale la scelta di genere da parte del regista. La storia di questo dramma familiare sembra comunque ispirata alla lontana alla vita del [ Mescola sapientemente azione e sentimento.

La protagonista Giulia De Martino viene da una famiglia che da generazioni sforna campioni di corse automobilistiche. Ma un giorno tutto cambia e Giulia si trova a dover affrontare [ Racconta la storia di Giulia De Martino, una ragazza di 17 anni che corre nel campionato automobilistico italiano GT.

La sua guida, il padre Mario, ha improvvisamente un infarto durante una gara. Al funerale ecco arrivare il fratello maggiore, Loris, un tempo [ Siamo in Emilia Romagna e Giulia, sedicenne partecipa con il padre coach al campionato di GT italiano.

Sono partito prevenuto su questa pellicola per tre motivi. Fa centro al terzo colpo , bravo alla regia , aiutato da un buonissimo montaggio.

Invece , e' una bella storia , interessante e ben [ L'ho visto una settimana fa, ma ho voglia di scrivere una lode al regista, ma soprattutto a Stefano Accorsi, bravo e mai pretenzioso.

Il film non perde un colpo, buon ritmo, mai banale, tiene lo spettatore "vivo" e attento allo svolgere della storia.

Il film parte con una corsa del campionato [ Un film d'autore, nel vero senso della parola.

Ecco un altro capolavoro italiano. Qualsiasi commento sarebbe vano per descrivere la potenza del film, mai potrebbe sostituire la visione del film, che consiglio vivamente agli appassionati di cinema.

Scene al cardiopalma si susseguono in una narrazione veloce e tagliente, condita da interpretazioni serie e ben costruite uno dei migliori Accorsi a mio parere, come solo il rodato cinema di Ozpetek era capace [ Il tam tam e le recensioni positive dei mesi successivi mi hanno obbligato a rivedere la mia decisione.

Veloce come il vento funziona, sempre. Non ha cali di tono, la trama scorre liscia e coinvolge lo spettatore fin dalle prime inquadrature.

Fotografia patinata in pista e realistica al di fuori, sembra sempre [ Bellissmo film, diciamolo subito. Ma direi soprattutto per la sfida vinta di fare un cinema di genere, una sorta di fast and furious all'italiana anzi.

Consapevole del passato recente di tale genere, e dei grandi successi che hanno preceduto questo film, Rovere fa della scrittura la sua forza!

Un film d'autore al servizio del genere, una storia drammatica veicolo di emozioni. Film che ricorda subito "Radiofreccia".

Ha rischiato di fare un film originale rispetto al panorama italiano, [ Rombo di motori. Musica che si ascolta col cuore per gli amanti delle corse d'auto.

Fumo, odore di benzina e di olio bruciato. Asfalto bollente. Stridio di ruote. Pulsazioni a mille. Tutto questo si palpa nell'assistete al film.

Ma non solo questo. Si averte il rumore assordante della solitudine. Della disperazione della droga. Una storia familiare coinvolgente come poche, il ritmo della storia comincia ad impazzire dal momento in cui il "Ballerino" prende in mano le cuffie ed urla nelle orecchie della sorella le sue direttive.

Ma Rovere ci prova lo stesso: ispirato dalla vicenda umana dell'ex rallista Carlo Capone, il regista, ben consapevole di non avere a disposizione il budget di Howard, [ Dal titolo si evince che la vicenda si snoda tutta intorno al mondo delle corse d'automobili ma questo scenario costituisce solo lo sfondo per raccontare una storia peraltro realmente [ Nel film ci sono sequenze bellissime,il funerale del padre con il rombo dei motori come ultimo saluto,molto commovente,le gare in pista sembrava di esserci,i dialoghi dolci e anche un po' brutali tra fratello e sorella.

Una giovane ragazza corre nel campionato italiano GT per cercare di salvare la propria casa dai debiti.

Nel frattempo perde il padre e, vista l'assenza della madre, deve occuparsi del fratello minore. Davvero un ottimo film girato all'interno del mondo dell'automobilismo [ Bella storia, semplice e popolare, intrisa di sentimenti puri e antichi, che si snoda tra urla di motori, odore di benzina e lubrificanti, tra gomme bruciate dall'asfalto e vite divorate dalla droga.

La giovanissima pilota Giulia, dai capelli azzurri,al funerale del padre che la assisteva nelle corse, incontra dopo dieci anni il fratello maggiore Loris,ex pilota,, ormai consumato dall'uso di stupefacenti.

Voto giusto per un film sorprendente. Un film analogico, passionale, sentito, emotivo, completo, studiato.

Rovere ha preso il meglio di Hollywood creando un piccolo capolavoro, con attori eccellenti Accorsi superlativo ma la giovane De Angelis si difende molto bene e una storia magnifica, ricca di colpi di scena, adrenalina, cuore, rabbia, orgoglio, paure, dolore, amore.

Una famiglia tipo del terzo millennio padre separato, madre in fuga, figlio tossico Tra l'ossessione per le corse, da finanziare a tutti i costi e i fallimenti famigliari, il film, tratto da una storia vera, non riesce mai a comunicare quel minimo di senso, che se c'era e' rimasto tutto nelle buone ma purtroppo [ Si, tutto bello,bella la storia, bravi interpreti, ben realizzate le scene delle corse e a me non piacciono ma E come si deve interpretare la scena finale del cimitero?

E non venitemi a dire che sono l'unico idiota che non ha capito il finale. Sono partito molto scettico su questo film ma mi sono ricreduto quasi subito, film ad alta tensione a tratti molto duro e con una grande interpretazione di Stefano Accorsi, consiglitao a chiunque ami il genere!

Stefano Accorsi da premio Oscar, mai banale o stereotipato. Parto dal fatto che su questo film avevo parecchi dubbi non tanto per il cast ma per il genere e la storia, ma quasi fin da subito mi sono dovuto ricredere, film molto bello pieno d'aziione e a tratti al quanto duro e sopratutto a mio parere ottimamente interpretato da Stefano Accorsi!

Mi aspettavo un bel film, ma questo mi ha lasciato a bocca aperta, a partire dagli attori. Dialoghi ben scritti. Mi ha colpito anche la regia, che fa sembrare il film in particolar modo nelle scene di corsa una produzione Hollywoodiana.

Appena finito il film al cinema nessuno si alzava. Troppe le emozioni che sono arrivate in queste due ore di film per poterle smaltire subito.

E' un film sulle corse ma ruota intorno alla storia di una famiglia. Affrettati lentamente. Corri in pista ma rallenta nella vita.

Ascolta e fatti ascoltare, comprendi e fatti comprendere, perdona e fatti perdonare. Tutto questo raccontato in un film che scarica l'adrenalina sull'asfalto e distende il cuore nella faticosa riconciliazione tra mondi apparentemente molto distanti.

Film davvero ottimo ad alta tensione con momenti piuttosto difficili, da vedere assolutamente per appassionati di corse s e non, e direi anche un grande Stefano accorsi!

Scettico in principio di fronte ad un film ITALIANO del genere, sorpreso in positivo alla fine della visione per un ottimo ed originale film girato da Matteo Rovere che trova in Stefano Accorsi il personaggio tanto complesso quanto carismatico, "motore" di questa storia che vede come protagonista la giovane Matilda De Angelis nei panni di Giulia De Martino, 17enne pilota impegnata nel campionato [ Un capolavoro italiano davvero avvincente, emozionante e adrenalinico.

Un film nuovo, vivo e vero che non rientra negli stereotipi postsessantottini del nostro cinema con annesse continue problematiche da psicoanalisti.

Una storia di auto, motori, ma anche di affetti e violenti contrasti familiari nella romagna motoristica dei nostri giorni.

Un film dai valori semplici am trasmessi al meglio. Stefano Accorsi immenso a mio avviso. L'accento, l'aspetto e la passione per le corse che fa trapelare si meritano un 10 in pagella.

Film da vedere e gustare nonostante le passioni per le [ Siamo nel mondo delle gare gran turismo, dove si sta facendo strada la diciassettenne Giulia De Martino, allenata [ Il film lo mette in scena, attraverso l'interpretazione [ Appassionato melo, schierato dalla parte degli sfigati.

Dopo dieci anni riappare Loris, il fratellone ex pilota, ora tossico e sbandato. La ragazza vuole scendere in pista per salvare la casa.

Una specie di Gran Premio con [ Podio invariato nella giornata di sabato: Il cacciatore e la Regina di Ghiaccio resta primo con mila euro, dato che rende certo il superamento a quota 1 milione di euro, mentre Veloce come il vento venduto in oltre 40 paesi in tutto il mondo resta [ Torna CinemaDays, la 4 giorni in cui quasi tutti i cinema italiani almeno 2.

Nelle vene della famiglia De Martino scorrono da sempre olio, motore e benzina. Preparano auto da corsa e crescono piloti da generazioni.

La passione per i motori scorre da sempre nelle vene di Giulia De Martino.

Trova Cinema. Vai a tutti i Film al cinema Ora al cinema. The Beach House: la vacanza al mare diventa un incubo nel trailer di un nuovo horror.

Vai alla guida TV Film ora in onda. Veloce come il vento Veloce come il vento. Voto del pubblico. Al cinema dal: 07 aprile Regista: Matteo Rovere.

Genere: Drammatico. Uscita al cinema il 07 aprile Durata minuti. After his latest screw-up, the president of his team decides to assign him a personal tutor, to help him in It has been a few months since Pietro Zinni's gang got caught in the Sopox production laboratory and each of them locked up in different jails.

From Regina Coeli jail, Pietro keeps warning Two quite different women escape a mental institution to see Tuscany in a stolen car and get to know each other.

Set in the s, it's the story of three lifelong friends who take control of organized crime in Rome.

Romulus and Remus, two shepherds and loyal brothers, end up taking part to a journey that will lead one of them to be the founder of the greatest nation ever seen.

However, the fate of the chosen one will pass from killing his own brother. The incredible true story behind the most controversial Italian court cases in recent years.

Stefano Cucchi was arrested for a minor crime but in just one week's time, a family is changed forever. Elena is a rich girl, leader of the school, that spend all nights dancing at disco consuming drugs with two friends who treats as slaves.

They will play a dangerous game to harass a professor of their high school. Giulia is a young promise of GT racing. When her life falls apart, her only hope is her brother, a drug addict and former rally champion.

The film was loosely based on the true story of some Italian rally racer. I didn't recognise any of the actors or the director, but I really enjoyed watching it.

The film was two hours long, but worth giving a try. I anticipated something different, though what I got was kind of unexpected. If you read the title correctly, you as well think it is a pure race film.

The film was well balanced between sports and the family drama. As well as there some funs and highlights the family bond, particularly about the siblings.

It was a quite good film for me, but then it all depends on your interest that will decide how much you are going to like it.

It is about a teen GT racer whose father had died during she was racing. After the incident, her life begins to fall apart.

She's surviving with a younger brother, but their mother left them a long ago. Not so certain about their future, especially the house which they are going to lose soon if she lose the upcoming race.

That's where her older brother who ran off long ago comes back. But he's a junkie and needed a place, so comes crashing down with her in the house.

Despite his condition, she learns his capability, so offers him a job. Now this duo, as a family and professionally, what they are going to achieve is what follows in the remaining segments.

In some parts, the older brother character seemed like a intentional. Like since his entry and his behaviour, most of the viewers would know where this story is going to head.

But there are some turns in the midsection, in addition to give depth to his character, as well as to the story.

I mean to define how he's changing along the story progression. Though when the film started, he was like in a supporting role, and then the takeover had happened slowly and unexpectedly.

Particularly the end event, I did not think he would be on the roll. Then realised this is not a 'Fast and Furious' kind film, but the conclusion was.

Yep, I did not expect that after what I saw in the previous 95 per cent of the narration. Because it was like a struggle between desperate to accomplish in a sport and saving themselves from the legal life, since they both are minors.

Like I said before, theirs older brother was designed to influence on them in a situation like this. Don't go for it thinking it is a sport film, especially impossible high end stunts.

The races were the part of the film, but focused on different points in the different segments. Mostly about the life events.

Very interesting characters. Three sibling, but belong to three different generations. Theirs bonding was the highlight. The actors who played those roles were superb.

In the first half it was that teen girl and then her older brother in the remaining narration. Ha rischiato di fare un film originale rispetto al panorama italiano, [ Rombo di motori.

Musica che si ascolta col cuore per gli amanti delle corse d'auto. Fumo, odore di benzina e di olio bruciato. Asfalto bollente.

Stridio di ruote. Pulsazioni a mille. Tutto questo si palpa nell'assistete al film. Ma non solo questo. Si averte il rumore assordante della solitudine.

Della disperazione della droga. Una storia familiare coinvolgente come poche, il ritmo della storia comincia ad impazzire dal momento in cui il "Ballerino" prende in mano le cuffie ed urla nelle orecchie della sorella le sue direttive.

Ma Rovere ci prova lo stesso: ispirato dalla vicenda umana dell'ex rallista Carlo Capone, il regista, ben consapevole di non avere a disposizione il budget di Howard, [ Dal titolo si evince che la vicenda si snoda tutta intorno al mondo delle corse d'automobili ma questo scenario costituisce solo lo sfondo per raccontare una storia peraltro realmente [ Nel film ci sono sequenze bellissime,il funerale del padre con il rombo dei motori come ultimo saluto,molto commovente,le gare in pista sembrava di esserci,i dialoghi dolci e anche un po' brutali tra fratello e sorella.

Una giovane ragazza corre nel campionato italiano GT per cercare di salvare la propria casa dai debiti. Nel frattempo perde il padre e, vista l'assenza della madre, deve occuparsi del fratello minore.

Davvero un ottimo film girato all'interno del mondo dell'automobilismo [ Bella storia, semplice e popolare, intrisa di sentimenti puri e antichi, che si snoda tra urla di motori, odore di benzina e lubrificanti, tra gomme bruciate dall'asfalto e vite divorate dalla droga.

La giovanissima pilota Giulia, dai capelli azzurri,al funerale del padre che la assisteva nelle corse, incontra dopo dieci anni il fratello maggiore Loris,ex pilota,, ormai consumato dall'uso di stupefacenti.

Voto giusto per un film sorprendente. Un film analogico, passionale, sentito, emotivo, completo, studiato.

Rovere ha preso il meglio di Hollywood creando un piccolo capolavoro, con attori eccellenti Accorsi superlativo ma la giovane De Angelis si difende molto bene e una storia magnifica, ricca di colpi di scena, adrenalina, cuore, rabbia, orgoglio, paure, dolore, amore.

Una famiglia tipo del terzo millennio padre separato, madre in fuga, figlio tossico Tra l'ossessione per le corse, da finanziare a tutti i costi e i fallimenti famigliari, il film, tratto da una storia vera, non riesce mai a comunicare quel minimo di senso, che se c'era e' rimasto tutto nelle buone ma purtroppo [ Si, tutto bello,bella la storia, bravi interpreti, ben realizzate le scene delle corse e a me non piacciono ma E come si deve interpretare la scena finale del cimitero?

E non venitemi a dire che sono l'unico idiota che non ha capito il finale. Sono partito molto scettico su questo film ma mi sono ricreduto quasi subito, film ad alta tensione a tratti molto duro e con una grande interpretazione di Stefano Accorsi, consiglitao a chiunque ami il genere!

Stefano Accorsi da premio Oscar, mai banale o stereotipato. Parto dal fatto che su questo film avevo parecchi dubbi non tanto per il cast ma per il genere e la storia, ma quasi fin da subito mi sono dovuto ricredere, film molto bello pieno d'aziione e a tratti al quanto duro e sopratutto a mio parere ottimamente interpretato da Stefano Accorsi!

Mi aspettavo un bel film, ma questo mi ha lasciato a bocca aperta, a partire dagli attori. Dialoghi ben scritti.

Mi ha colpito anche la regia, che fa sembrare il film in particolar modo nelle scene di corsa una produzione Hollywoodiana.

Appena finito il film al cinema nessuno si alzava. Troppe le emozioni che sono arrivate in queste due ore di film per poterle smaltire subito.

E' un film sulle corse ma ruota intorno alla storia di una famiglia. Affrettati lentamente. Corri in pista ma rallenta nella vita.

Ascolta e fatti ascoltare, comprendi e fatti comprendere, perdona e fatti perdonare. Tutto questo raccontato in un film che scarica l'adrenalina sull'asfalto e distende il cuore nella faticosa riconciliazione tra mondi apparentemente molto distanti.

Film davvero ottimo ad alta tensione con momenti piuttosto difficili, da vedere assolutamente per appassionati di corse s e non, e direi anche un grande Stefano accorsi!

Scettico in principio di fronte ad un film ITALIANO del genere, sorpreso in positivo alla fine della visione per un ottimo ed originale film girato da Matteo Rovere che trova in Stefano Accorsi il personaggio tanto complesso quanto carismatico, "motore" di questa storia che vede come protagonista la giovane Matilda De Angelis nei panni di Giulia De Martino, 17enne pilota impegnata nel campionato [ Un capolavoro italiano davvero avvincente, emozionante e adrenalinico.

Un film nuovo, vivo e vero che non rientra negli stereotipi postsessantottini del nostro cinema con annesse continue problematiche da psicoanalisti.

Una storia di auto, motori, ma anche di affetti e violenti contrasti familiari nella romagna motoristica dei nostri giorni.

Un film dai valori semplici am trasmessi al meglio. Stefano Accorsi immenso a mio avviso. L'accento, l'aspetto e la passione per le corse che fa trapelare si meritano un 10 in pagella.

Film da vedere e gustare nonostante le passioni per le [ Siamo nel mondo delle gare gran turismo, dove si sta facendo strada la diciassettenne Giulia De Martino, allenata [ Il film lo mette in scena, attraverso l'interpretazione [ Appassionato melo, schierato dalla parte degli sfigati.

Dopo dieci anni riappare Loris, il fratellone ex pilota, ora tossico e sbandato. La ragazza vuole scendere in pista per salvare la casa.

Una specie di Gran Premio con [ Podio invariato nella giornata di sabato: Il cacciatore e la Regina di Ghiaccio resta primo con mila euro, dato che rende certo il superamento a quota 1 milione di euro, mentre Veloce come il vento venduto in oltre 40 paesi in tutto il mondo resta [ Torna CinemaDays, la 4 giorni in cui quasi tutti i cinema italiani almeno 2.

Nelle vene della famiglia De Martino scorrono da sempre olio, motore e benzina. Preparano auto da corsa e crescono piloti da generazioni.

La passione per i motori scorre da sempre nelle vene di Giulia De Martino. Viene da una famiglia che da generazioni sforna campioni di corse automobilistiche.

Film in streaming Amazon Prime Video Netflix. Film Film uscita.

veloce come il vento Veloce come il vento - Giulias großes Rennen. Maeci. Uhr. Regie: Matteo Rovere, I , ', OmdtU. Darsteller: Stefano Accorsi. VELOCE COME IL VENTO – Giulias großes Rennen. Die junge Giulia ist ein außerordentliches Rennsport-Talent. Sie fährt um die Meisterschaft mit, bis sie eine. VELOCE COME IL VENTO () di Matteo Rovere - Trailer ufficiale HD. #​VELOCECOMEILVENTO, Un film di Matteo Rovere con Stefano Accorsi e Matilda De. »Veloce come il vento«, Matteo Roveres Mixtur aus Rennfahrerfilm und Familiendrama, ist solide inszeniert und stellt ein kleines Revival des. Veloce come il vento V.O.: film drama, Produktionsjahr , mit mit Stefano Accorsi, Matilda De Angelis, Roberta Mattei, Paolo Graziosi. Kurzfassung.

Veloce Come Il Vento Video

VELOCE COME IL VENTO (2016) di Matteo Rovere - Trailer ufficiale HD Plot Keywords. Film in streaming. Despite his condition, she learns his capability, so offers him a job. Nastri d'Argento Clear your history. Home Continue reading Veloce come il vento Trama e Cast. E' un film sulle corse ma ruota intorno alla storia di una famiglia. I Wonder Click. Film thriller. Immer wieder wird in Roveres Film, der auf einer wahren Geschichte beruht und zugleich reine Rennfolklore darstellt, darüber philosophiert, wie man eine Rennstrecke angeht. Deutscher Filmpreis München. Time to Hunt. Country Strong. Auch wenn learn more here als Zuschauer Giulia verstehen kann, die sich zu Recht über seine herablassende Art und laissez-faire-Einstellung ärgert: er ist irgendwo doch ein sympathischer Please click for source mit fettigen Haaren, der continue reading Herz am rechten Fleck hat. Seine Drogensucht wurde dem früheren, erfolgreichen Rennfahrer einst zum Verhängnis und von den Rauschmitteln ist er heute noch nicht los. Hans Schifferle. Paramount Click to see more. Leave this field blank. Aktuelle Filmstarts Zu weit weg. Daniel Vulcano. Nie das Gleiche. E-Mail an Zumal Giulia gerade in einem Leistungstief steckt. Ailos Reise. Five Go here Back. Zeit des Zorns. Suche Suche. Joseph Kosinski. Alice im Wunderland. Here to Fibo kГ¶ln. Für die heiteren Töne go here entspannten Momente ist Loris verantwortlich. Jan F. Una und Ray. Eines Tages jedoch steht jemand vor der Tür, mit dem sie nicht gerechnet hat: ihr Bruder Loris Stefano Accorsiein abgehalfterter, dauerbekiffter Eigenbrötler. Diesem schuldete ihr verstorbener Vater noch Geld. Nie das Gleiche.

0 Kommentare

Schreiben Sie uns einen Kommentar

Ihre E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind markiert *

Passend zum Thema